14
Ott
2009
I primi risultati sulla mappatura dei malati rari in Italia
(letta 4312 volte)Visualizza come PDF Segnala questa notizia Stampa questa notizia
Cinque persone ogni 10 mila abitanti in Italia sono affette da una qualche malattia rara. Grazie al lavoro del Centro Nazionale Malattie Rare oggi sono stati fotografati in Italia 70 mila casi. Tante infatti sono le segnalazioni pervenute dalle Regioni al Registro Nazionale Malattie Rare dell´Istituto Superiore di Sanità, illustrate nel corso del Convegno Rete nazionale Malattie rare: il Registro Nazionale e i Registri Regionali.

E´ la prima volta che si possono fornire dei dati ufficiali e accertati riguardo una stima delle Malattie Rare nel nostro Paese. Pur essendo consapevoli che si tratta di una cifra sicuramente sottostimata, poiché non tutte le Regioni hanno ancora inviato i loro dati al nostro Centro si tratta, nel contesto delle Malattie Rare, di acquisizioni importanti e significative che testimoniano comunque una buona copertura territoriale visto che il 62% della popolazione residente in Italia risulta coperta dal Registro Nazionale. Non sono poche 400 patologie censite e 70.000 schede valutate; sono cifre uniche nel panorama internazionale. Stiamo inoltre lavorando per un aggiornamento a breve con i dati delle sette regioni che mancano ancora all´appello del nostro Registro, ma quello di oggi e´ un risultato importante ottenuto grazie al nostro Centro Nazionale Malattie Rare che, con l´ausilio di un software sofisticatissimo, attraverso i corsi di formazione rivolti agli operatori sanitari locali, e soprattutto con l´instancabile lavoro dei Registri Regionali, ha fornito un quadro complessivo di questo fenomeno poiché la copertura del 62% del territorio, in un quadro epidemiologico così complesso, appare comunque significativa per disegnare i tratti fondamentali dell´universo delle malattie rare.

Enrico Garaci, Presidente dell´ISS


Tra i problemi chiave dei pazienti che vengono identificati da questi dati c´e´ sicuramente quello della migrazione sanitaria, particolarmente significativo per questi malati.

E´ molto frequente il caso in cui la Regione in cui viene fatta la diagnosi di malattia rara sia diversa da quella di residenza del paziente e quindi da quella che lo prende in carico a diagnosi avvenuta - spiega Domenica Taruscio, Direttore del Centro Nazionale Malattie Rare dell´ISS - Ciò significa che nel 20% dei casi per ottenere una diagnosi bisogna andare fuori dalla propria regione e che questi ‘viaggi´ aumentano al crescere dell´età dei pazienti stessi. Il Registro contiene inoltre molte informazioni sul percorso sanitario dei malati e per questo, infatti, e´ un forte indicatore dei loro bisogni. La sua lettura ci può fornire senz´altro una chiave interpretativa per capire quale possa essere per loro un´assistenza sanitaria adeguata. Abbiamo raccolto informazioni su 435 patologie definite rare presenti Italia; nessun Paese ha questa ricchezza di informazioni riguardo queste malattie poiché si tratta di una sorveglianza che riguarda contemporaneamente numerose e diverse patologie dalla SLA alla sindrome di Prader Willi. Un lavoro paziente e complesso, di raccordo e armonizzazione di realtà eterogenee e a volte distanti tra loro, difficili da riunire sotto un unico cappello. E´ per questo che i risultati di questi sforzi che oggi presentiamo e che sono stati resi possibili soprattutto dalle Regioni che hanno collaborato sono così significativi e riescono ad essere rappresentativi di questa realtà così difficile da organizzare in modo sistematico come richiedono le regole della sorveglianza epidemiologica.


Il Registro Italiano Malattie Rare e´ oggi uno strumento epidemiologico con elevate potenzialità informative e unico nel panorama internazionale.

Per il 22% dei malati rari la diagnosi arriva dopo 5 anni
Non solo il dramma di una malattia rara, ma anche quello degli spostamenti per arrivare a una diagnosi. Nel 20% dei casi, infatti, per identificare la patologia che rovina loro vita e salute, i malati rari italiani devono andare in un´altra regione. Insomma, intraprendere viaggi della speranza che aumentano al crescere dell´età del paziente. E´ quanto emerge dalla ´fotografia´ dei 70 mila casi censiti nel Registro nazionale delle malattie rare all´Istituto superiore di sanità, illustrata in un convegno a Roma da Domenica Taruscio, direttore del Centro nazionale malattie rare dell´Iss
E´ molto frequente che la Regione in cui viene fatta la diagnosi di malattia rara sia diversa da quella di residenza del paziente, che lo prende in carico. In un caso su quattro nell´incertezza non resta che spostarsi. Il registro contiene molte informazioni sul percorso sanitario di questi malati, ed e´ un forte indicatore dei loro bisogni. La sua lettura ci può senz´altro fornire una chiave interpretativa per capire come fornire loro un´assistenza sanitaria adeguata.

Anche perché, secondo i dati, per il 22,8% del campione ci sono voluti più di 5 anni per ottenere una diagnosi. Se, infatti, per il 58,8% dei malati censiti tra i primi sintomi e la scoperta della patologia responsabile e´ passato meno di un anno, il 18,4% ha atteso da 1 a 5 anni e il resto ancora di più. Un´incertezza che va a discapito della qualità di vita, e oltretutto lascia progredire la malattia. "In media - spiegano gli esperti dell´Iss - possiamo dire che la diagnosi avviene a 30 anni per il 45% dei maschi e il 55% delle donne".


Fonte: Sanità News


(Parole chiavi: malattierare mappatura ricerca screening )


<< Notizia precedenteNotizia successiva >>

Altre notizie di questa categoria
30/11/09Cosa accade ai soggetti PKU precocemente trattati, in età adulta ? (letta 6078 volte)
28/09/09La BioMarin inizia la FASE 2 dei test sul PEG-PAL (letta 5637 volte)
28/09/09KUVAN: Disponibile anche in Italia (letta 4156 volte)
29/08/09La ricerca biomedica italiana sulle malattie rare (letta 2488 volte)
14/04/09Glicomacropeptide: Una ricerca annuncia nuove possibilità per i soggetti PKU (letta 7294 volte)
09/03/09KUVAN: le caratteristiche del prodotto in vendita (letta 4129 volte)
02/03/09KUVAN: è realmente efficace e sicuro ? (3/3) (letta 5457 volte)
21/01/09Un nuovo farmaco promette una dieta normale ai pazienti PKU (letta 5531 volte)
18/01/09KUVAN: è realmente efficace e sicuro ? (2/3) (letta 3828 volte)
16/12/08KUVAN: autorizzazione alla vendita in Europa (letta 2777 volte)
15/12/08Maratona Telethon 2008 (letta 2738 volte)
26/11/08KUVAN: è realmente efficace e sicuro ? (1/3) (letta 3444 volte)
24/10/08La terapia genica (letta 3282 volte)
29/09/08KUVAN: Primi passi in Europa (letta 3207 volte)
08/09/08Le malattie rare e i farmaci orfani (letta 4418 volte)
05/09/08KUVAN: Un video ne pubblicizza l'uso (letta 3074 volte)
18/06/08Studio sul trattamento dietetico di adulti con fenilchetonuria non trattata e grave disabilità (letta 6826 volte)
13/06/08Screening sulle malattie metaboliche ereditarie nei bambini (letta 3847 volte)
26/05/08La BioMarin inizia la Fase 1 degli studi clinici sul PEG-PAL (letta 3187 volte)
02/05/08Scritte le "mappe geografiche" del metabolismo umano (letta 2724 volte)
30/03/08Il Servizio Sanitario Nazionale e la PKU (letta 4968 volte)
26/03/08A Napoli, un programma di ricerca sullo screening neonatale metabolico allargato (letta 3552 volte)
04/03/08Memoria a breve termine, dopamina e fenilchetonuria (letta 8216 volte)
12/02/08Le diverse forme di iperfenilalaninemia (letta 11471 volte)
11/02/08Iperfenilalaninemia: uno studio clinico sonospettrografico del pianto neonatale (letta 3476 volte)
28/01/08Finanziaria 2008: da sangue test per 40 malattie (letta 2839 volte)
11/01/08La storia della ricerca sulla fenilchetonuria (letta 9295 volte)
09/01/08Il trattamento con sapropterina è adatta a tutti i soggetti con fenilchetonuria ? (letta 3235 volte)
08/01/08Recommendations for Dietitians: Dietary Adjustments and BH4 Responsiveness (letta 2692 volte)
19/12/07Telethon 2007: realizzati oltre 30 milioni di euro  (letta 2605 volte)
16/12/07La FDA approva il farmaco Kuvan della BIOMARIN  (letta 5888 volte)
13/12/07Come si effettua lo screening: il test di Guthrie (letta 26251 volte)
28/11/07Novità sulla ricerca dalla BIOMARIN (letta 5473 volte)
14/10/07Lo screening neonatale metabolico allargato e la spettrometria di massa tandem (letta 7361 volte)

 
Accessibilità

 
Siti amici
 

PKUinfo

E' nato PKUinfo, è un sistema aperto e collaborativo per la raccolta e la pubblicazione veloce (Wiki) di informazioni sulla fenilchetonuria, che permette chiunque di aggiungere contenuti, come in un forum, ma anche di modificare ed integrare i contenuti proposti da altri utenti.


 
     



 
Sondaggio
Qual'è la tua età ?





Voti: 127 | Commenti: 0


 
Statistiche

(dal 01/12/2007)

 
Blogroll